Chris Collins

collins R&C

Nato a Detroit, Christopher Collins ha intrecciato insieme la sua carriera di performer globale con l’impegno per la promozione della sua città natale e la sua potente eredità jazz. Collins è da 22 anni professore e direttore del Jazz Studies presso la Wayne State University (uno dei più antichi programmi di laurea in Studi Jazz negli Stati Uniti.) Dal 2011, Collins è direttore artistico del Detroit Jazz Festival (Il più grande festival di free jazz al Mondo) e leader dei Detroit Jazz All-Stars e Detroit Jazz Fest Orchestra.

Il suo lavoro in questi ruoli ha raccolto il plauso internazionale per la sua originalità, ha meritato la reputazione tra gli artisti più importanti, e l’ha visto come tutor di artisti emergenti, e creatori di programmi di livello mondiale, che stanno hanno rivoluzionato i parametri di riferimento nella comunità jazz.

Collins è richiesto come collaboratore e creatore di nuove opere. I suoi sforzi recenti includono la prima mondiale di Danilo Perez Detroit Panama Mondiale Suite, Jazz from Shamrock Shore, The Detroit Torino Urban Jazz Project, e la premiere nordamericana Hommage to Pat Metheny: una celebrazione di Eberhard Weber.

Collins è un saxofonista e polistrumentista, jazzista professionista che ha girato il Giappone, il Sud Africa, l’Europa, la Cina e il Nord America come leader delle proprie formazioni e come solista.

Ha suonato con importanti formazioni e artisti tra cui la David Berger Orchestra, Marcus Belgrave, la Phil Collins Big Band, Red Rodney, Doc Severinsen, Mel Torme, e vari artisti come i Motown, Lou Rawls e la Detroit Symphony Orchestra. Si è esibito in numerosi festival jazz tra cui: Cork (Irlanda), Montreux (Svizzera), Pori (Finlandia), Nizza (Francia), MiTo (Italia), Detroit (USA) e Glasgow (Scozia).

Il suo CD più recente “Detours: Il Quartetto New Directions” contiene musiche originali di Collins per clarinetto, arpa, Basso, e percussioni con una fusione di classico e musica improvvisata. Tra i suoi CD ricordiamo “Electo-Monk, acustico-Funk”, fusione di techno e jazz acustico con una nota di splendida originalità. Il suo successo “Jazz from Shamrock Shore” presenta composizioni che combinano artisticamente la strumentazione, il vocabolario musicale e il repertorio della tradizione folk irlandese con il Jazz americano.

Ha inciso registrazioni commerciali e colonne sonore di film, tra cui la colonna sonora del premiato “The Big Serie Night “, e la televisione tra cui Leverage and The Librarian. Ha composto musiche originali per spettacoli teatrali, spot pubblicitari e film.

L’attività da solista jazz di Collins può essere ascoltato nei CD “A Night Hot In Paris” The Phil Collins Big Band (Atlantic), “Twilight: Collins Quartet con vocalist Harvey Thompson “,” Urban Solitude “(Harriett Jazz),” A time to mourn, a time to dance “(Harriett Jazz / ASCAP), e” Watching for Watchung Plaza -. Il John Cooper Quintet “

Abbracciando la missione urbana del Wayne State, e cercando al contempo di fondere la street-school con la disciplina del mondo accademico, Collins ha avviato numerosi programmi innovativi, tra cui l’aggressiva serie di guest artists JazzWeek @ Wayne, il progetto New Jazz Infusion, Il concorso Detroit Youth Diva, e significative collaborazioni e iniziative di raccolta fondi di successo per l’università, la regione di Detroit, e il panorama musicale in generale. Ha presentato numerosi workshop e corsi residenti in tutto il mondo, tra cui presentazioni presso Ishimori a Tokyo in Giappone, il Museo dello Strumento musicale a Quarna in Italia, la Conferenza Jazz Educators a Durbin – Citta del Capo, e Grahamstown in Sud Africa, l’Università di Strathclyde a Glasgow in Scozia, e in numerosi convegni nazionali sul jazz, il sassofono, l’improvvisazione, la composizione e l’arrangiamento Jazz, il jazz nell’educazione. Ha anche contribuito alla redazione di libri accademici e di diversi articoli per riviste di jazz tra cui cover stories su Joe Lovano, Chick Corea, David Liebman, e Joe Zawinul.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>