Luigi Martinale

 

Jazz_luigi_Martinale_2

Luigi Martinale, pianista, la sua  formazione musicale ha seguito due strade: la musica classica e la musica afro-americana.

Si è diplomato in pianoforte al Conservatorio “G.Verdi” di Torino nel 1986, approfondendo poi lo studio dell’improvvisazione jazzistica con Enrico Pieranunzi, Franco D’andrea e Mario Rusca.

Ha suonato con Flavio Boltro, Gianni Basso, Emanuele Cisi, Eddy Palermo, Maria Pia De Vito, Anne Ducros, Felice Reggio, Fabrizio Bosso.

Ha fatto parte del Quartetto “Trane’s Memory” diretto dal sassofonista Alfredo Ponissi.

Ha suonato al Jazz Festival di Terrasa (Barcellona), all’Euro Jazz Festival di Ivrea con il “Trane’s Memory” nel 1996, con Tom Kirkpatrick nel 1997, con la cantante americana Amanda Carr nel 1998, e con Jazzinaria nel 2000; al JVC Newport Jazz Festival di Torino 1998 con il gruppo “Tenor Conclave” e nel 2000 con il Jazz Mobile Saxophone Ensemble, alla rassegna “Linguaggi Jazz” al Piccolo Regio di Torino con Jazzinaria e Fabrizio Bosso nel 2002.

Costante il suo impegno nella composizione, testimoniato dalle sue incisioni discografiche, in particolare dai cd “Eyes and Stripes” e “Urka” (entrambi per l’etichetta DDQ), interamente basati su brani originali, in quartetto con Fabrizio Bosso, Nicola Muresu e Alessandro Minetto.

Pianista ed arrangiatore del gruppo Jazzinaria cura dal 2002 un nuovo progetto sulla canzone italiana in collaborazione con il quintetto d’archiArchitorti, Emanuele Cisi e Fabrizio Bosso.

Si dedica inoltre alla dimensione del trio di cui è espressione il cd “Sweet Marta” con Drew Gress e Paolo Franciscone.

Ha vinto due volte il concorso “Città di Baronissi“: nel 1996 con il “Trane’s Memory” e nel 1999 con il Jazzinaria Quartet.

E’ stato votato al 4° posto nella categoria “Miglior Nuovo Talento” dal referendum “Top Jazz” indetto dalla rivista Musica Jazz nel 2001; compariva inoltre nella stessa categoria già nell’anno 2000.

 

Altre informazioni

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>